Riccardo Nencini presenta “Barbari”, raccolta anti-Lega Nord

 

di Carlo Correr

 

 

Il segretario nazionale del Psi, Riccardo Nencini, ha presentato alla Sala Stampa della Camera dei Deputati, “Barbari” una breve raccolta in venti punti nei quali sono contenuti vent'anni di promesse elettorali non mantenute dalla Lega Nord, le incoerenze e i numerosi esempi di razzismo e xenofobìa dei dirigenti del partito di Bossi.

“Un racconto diretto - si legge nella prefazione di Riccardo Nencini - a tutti gli italiani, a chi ha creduto e a chi non ha creduto. Ma soprattutto, a chi ha votato la Lega di Bossi, a chi l'ha sostenuta da cittadino del Nord, arrabbiato per il cattivo funzionamento dello Stato, a chi pensava che dietro Alberto Da Giussano marciasse un partito nuovo e migliore”.

“Il Nord non ha goduto di alcun beneficio dall'azione leghista, e con questo pamphlet vogliamo mostrarvi perché”. Riccardo Nencini, con l'opuscolo di 40 pagine, promette di raccontare fatti e misfatti dell''illusione' perpetrata in questi anni dal Carroccio ai danni dei cittadini italiani. “Utilizzeremo 'Barbari' - prosegue Nencini - per illustrare a tutti quante e quali promesse sono state disattese, e in che modo l'azione della Lega ha peggiorato la situazione delle regioni interessate”.

Da partito-sindacato a partito anti-governativo, fino all'ingresso leghista a Palazzo Chigi, la cronistoria del “fallimento annunciato” del Carroccio viene tracciata in venti punti chiari e precisi. Dalla nascita del partito che, si spiega, ha come fine dichiarato la "cancellazione della Repubblica Italiana" fino all'incostituzionalità stessa del partito. "La Lega Nord - si legge nel volume- è un partito privo di democrazia interna, non svolge congressi ed è in netta contraddizione con l'articolo 49 della Costituzione". Il tutto condito con alcune fra le dichiarazioni più imbarazzanti rilasciate dai deputati leghisti, Calderoli in primis, con frasi del tipo: «Un Paese civile non può far votare dei bingo-bongo che fino a qualche anno fa stavano ancora sugli alberi», e i più significativi esempi di razzismo e xenofobia perpetrati dai dirigenti del partito.

Insieme al segretario Nencini erano presenti alcuni amministratori del Psi del norditalia: c'erano Santo Consonni, segretario regionale della Lombardia; Giovanni Giribuola, segretario regionale del Veneto e Felice Borgoglio, responsabile economico del Psi.

Riccardo Nencini sarà nelle prossime settimane a Milano ed in tutti i comuni del Nord interessati dalle elezioni amministrative per chiarire le proposte del Psi da attuare concretamente sul territorio. 

 

Homepage