Tutti insieme appassionatamente…

 

di Enrica Rota

 

Pare che la giovane coppia reale inglese quest’anno abbia rinunciato alle vacanze natalizie sulle Alpi come gesto di solidarietà con i sudditi britannici costretti a molti sacrifici a causa della attuale crisi economica.

Pare invece che ai nostri politici idee simili non siano passate neanche per l’anticamera del cervello, tant’è che molti di loro si sono goduti allegramente le vacanze alle Maldive o in altri bei luoghi esotici.

Non è che abbiano fatto  nulla  di  illegale,  intendiamoci, Però non si può certo dire che siano campioni mondiali di tatto, stile, sobrietà o solidarietà, soprattutto in un momento in cui i cittadini italiani se la passano molto peggio degli inglesi.  Niente comportamento regale da parte dei nostri politici, dunque, semmai un atteggiamento da arricchiti e “parvenu”.

A parte la questione vacanze, comunque, la cosa che risulta inaccettabile ai cittadini italiani è che la nostra casta politica, che ha mal-governato il Paese per gli ultimi 20 anni e che è dunque direttamente responsabile della attuale crisi (e che, tra l’altro, continua vergognosamente a cincischiare, tentennare e temporeggiare sulla questione della riduzione dei suoi emolumenti) possa pensare di meritarsi vacanze di super-lusso proprio in questi tempi difficili per tutti.

Soprattutto, è una cosa indecente che in un Paese sedicente civile lo stato (unico in Europa) possa elargire pensioni minime di circa 500 euro al mese e contemporaneamente emolumenti alla casta politica e ai boiardi di stato che ammontano a più di venti volte le pensioni minime, dunque con uno “spread” enorme fra le une e gli altri.

Ed è intollerabile che, mentre molti pensionati cercano il cibo nei cassonetti vicino ai supermercati o per terra, la sera, nelle piazze dei mercati, i nostri politici se la passino, non dico da re, ma MEGLIO dei re.

 

 

HOMEPAGE